anomia

    401

    È una condizione sociale in cui vi è una mancanza di coesione e di ordine, soprattutto in relazione alle norme e valori. Il termine deriva dal greco ‘a-’ (senza) e ‘nomos’ (norma) e significa letteralmente “assenza o mancanza di norme”. Il concetto di anomia è stato sviluppato dal sociologo francese Émile Durkheim come parte della sua spiegazione riguardante i motivi di suicidio nel XIX secolo. Il sociologo ha sostenuto che i tassi di suicidio erano più alti tra i protestanti piuttosto che tra i cattolici, perché la cultura protestante ha attribuito un valore maggiore all’autonomia individuale e all’auto-realizzazione. Ciò ha reso i protestanti meno inclini a sviluppare legami forti che li possano sostenere durante i periodi di stress emotivo; di conseguenza li ha resi più suscettibili al suicidio.

    Print Friendly, PDF & Email
    « Back to Glossary Index
    CONDIVIDI
    Articolo Precedenteaggregato
    Articolo Successivoattribuzione